Torna a tutti gli articoli

I baby cenoni

20 dicembre 2016
Bimbo piccolo vestito da Babbo Natale

I cenoni di Natale e Capodanno quando si hanno bebè o bimbi piccoli possono diventare un tantino complicati da organizzare e il rischio è quello di rovinarsi la festa per il troppo stress.
Le classiche proccupazioni delle mamme sono che il piccolo non mangi a causa degli intingoli e dei manicaretti troppo sofisticati e inadatti ai suoi gusti, che disturbi gli adulti, che crolli di stanchezza sul più bello.

Ecco perché sarebbe bello riuscire a pianificare una serata a misura di bambino, in modo che grandi e piccoli riescano a passare tempo insieme in allegria.

Se siamo in casa nostra o di parenti stretti sarà tutto più semplice, al ristorante invece bisogna studiare i dettagli con più attenzione.

Cenone in casa

Partiamo dalla situazione ideale, ovvero quando si gioca in casa e siamo noi a dettare le regole. Predisporre un angolo bambini, con un baby tavolo apparecchiato con cura, ma senza cristalli è la soluzione più furba. Al posto dello champagne acqua con le bolle e invece del vino succo di mela, ma l’impressione deve essere che sia un’occasione speciale anche per loro. Così il menù: 2 portate contro le 10 dei grandi, a prova di capricci, ma diverse dalla solita pasta in bianco. Sbizzarritevi tra ravioli di magro, cappone, salmone al forno e non scordate di sistemare sulla tavola tante verdurine crude come pinzimonio.
Diverso il caso di chi sta muovendo i primi passi nel mondo delle pappe, che però per una volta potrà assaporare in compagnia, su un seggiolone agghindato a festa e con un bel bavaglino ricamato, magari mentre gli adulti sorseggiano l’aperitivo in piedi e stuzzicano i primi antipasti.

In ogni caso, il segreto dei baby cenoni, sta nel timing: lasciare in circolazione per casa dei bimbi affamati non è mai una buona idea! Fate mangiare prima loro e poi lasciateli liberi di giocare, vi ritroverete poi insieme a tavola per il dolce.
Se ci sono bambini molto piccoli, ricordatevi di preparare una comfort-zone in salotto, con giochini, ciucci e cuscini, dove possano muoversi relativamente senza pericoli, oppure sistemateli su una comoda sdraietta a godersi lo spettacolo!

Se il cenone è a casa d’altri, lo scenario cambia, ma con un po’ di impegno tutto può comunque filare liscio. Tanto per cominciare è bene informarsi prima sul menù (soprattutto se i nostri sono gli unici bambini invitati) in modo da verificare che ci siano piatti di loro gradimento e concordare con la padrona di casa eventuali variazioni. Se i nostri figli invece sono in pieno svezzamento forse è il caso di farli mangiare prima, in modo tale da non rischiare che con la confusione finiscano per distrarsi troppo e digiunare. Con la pancia piena staranno poi più sereni in compagnia e magari potranno sgranocchiare qualcosa portato da noi, sicuramente adatto alla loro età.

Cenone al ristorante? Si può fare

Al ristorante invece è tutto sempre leggermente più complicato, ma un minimo di planning può fare la differenza. Anche qui vale il discorso che i piccolissimi è meglio che arrivino dopo aver fatto la pappa a casa, oppure con una pappina gourmet preparata dalla mamma da far scaldare all’ultimo momento in cucina. Mentre ai più grandicelli si potrà ordinare subito un piatto, in modo da ridurre i tempi di attesa che di solito snervano i bambini. E’ chiaro che prima di uscire dovrete pensare a qualche tipo di intrattenimento per i pargoli presenti, altrimenti il rischio che comincino a correre per la sala facendo bowling con i calici è altissimo. Non entriamo nel merito se sia meglio un bel cartone sull’i-pad, o un blocco per disegnare, oppure un puzzle, questo dipende dall’età e dal numero.

Dato che questo tipo di cene di solito va molto per le lunghe, il nostro consiglio è portarsi sempre dietro un passeggino di emergenza, anche con figli ormai perfettamente in grado di camminare, perché se crollassero dalla stanchezza saprete dove sistemarli comodamente. Altrimenti è altamente probabile che dobbiate brindare con un fagotto pesante, addormentato sulle ginocchia e non è il massimo ☺