Torna a tutti gli articoli

Diventare genitori: 3 pratici consigli per le prime settimane a casa con il bambino

6 luglio 2017
Coppia di genitori che guarda amorevolmente il proprio bimbo

Consiglio n.1 – Come affrontare la privazione delle ore di sonno

La mancanza di sonno e l’arrivo di un neonato vanno di pari passo, specialmente nelle prime settimane di vita del piccolo. Nei primi giorni, il bimbo potrebbe svegliarsi ogni due o tre ore durante la notte per essere allattato, con conseguente interuzione del sonno della mamma e del papà. Anche se questa fase non durerà per sempre, la carenza di sonno potrebbe diventare estenuante. Il miglior modo per ridurre l’impatto è dormire quando il bambino dorme. Potresti essere tentata a usare questo momento di calma per guardare il tuo programma preferito in TV oppure per fare le facende domestiche, però non c’è niente di meglio di un pisolino che ti rigenererà e ti darà le forze per affrontare la giornata.

Una volta che hai stabilizzato l’allattamento al seno, potresti prendere in considerazione di estrarre il latte con un tiralatte e conservarlo nel frigo per le poppate notturne. In questo modo il papà può aiutarti e permetterti di godere di più ore di sonno durante la notte. Questa flessibilità consente alle mamme di offrire tutte le qualità del loro latte al neonato e di abituarsi al nuovo stile di vita da genitore.

Consiglio N. 2 – Coinvolgere attivamente il papà

Non è sempre facile per i papà essere pratici con il neonato, soprattutto nelle prime settimane di vita. Inoltre, può risultare difficile sentire quel legame intimo che di solito si instaura tra la mamma e il piccolo. Coinvolgi il papà fin da subito, chiedendogli di aiutarti con il bagnetto, di giocare con il bimbo, di allattarlo con il biberon (se scegli anche questa modalità), etc. Prova a resistere all’impulso di intervenire se il bambino inizia a innervosirsi, e scoprirai che anche i papà sono bravi a calmare un bambino irrequieto. Inoltre, contribuirà a rafforzare il loro legame. Cerca di dare al tuo partner le occasioni e la libertà di trascorrere del tempo da solo con il bambino, di fargli cambiare il pannolino, di portarlo a passeggiare o di fargli le coccole. In questo modo potrai godere anche tu delle pause necessarie per ricaricare le batterie.

Consiglio N. 3 – Mamma si diventa

Il periodo postnascita può essere un mix impegnativo di ormoni e carenza di sonno e molte mamme provano delle emozioni altalenanti. Generalmente ci si aspetta di provare una sensazione di grande felicità e un legame immediato e profondo quando il bambino nasce e ma capita di sentire del disagio se questo non avviene subito come ci si aspetta. Non ti abbattere e non sentirti colpevole, datti del tempo per abituarti a tutti i cambiamenti che stai vivendo. Come in ogni transizione, assumere una nuova identità un nuovo ruolo può essere travolgente, quindi ricordati di essere comprensiva con te stessa. Mentre in un primo momento potrà sembrarti difficile, con lo scorrere del tempo e cercando di ritagliarti degli spazi solo per te, come ad esempio per farti un bagno lungo, uscire a cena con il tuo partner, lavorare, ti aiuterà a stare meglio e a sentirti più a tuo agio nel nuovo ruolo di mamma!