Torna a tutti gli articoli

Consigli per affrontare i fastidi della dentizione in modo sereno

8 febbraio 2018
Bimbo piccolo che sorride con i suoi primi dentini

Il processo di dentizione dei bambini può essere motivo di ansia e stress per i genitori nei primi anni di vita. In effetti, per alcuni bimbi, l’eruzione dei denti può essere particolarmente disturbante o dolorosa, ma se la mamma riesce a mantenersi serena, sarà più facile per tutti superare questa tappa di crescita.

I dentini

I dentini dei bambini iniziano a svilupparsi già nel ventre materno e nella stragrande maggioranza dei neonati li vediamo spuntare tra i 4 e i 7 mesi, anche se i bebè particolarmente precoci mostrano i primi profili bianchi già a tre mesi.
Il processo di dentizione dura circa tre anni, ma non ci sono appuntamenti fissi, ogni bambino ha i suoi tempi e i suoi modi per “tagliare” le gengive con i dentini.
Di solito comunque gli ultimi a spuntare sono i secondi molari, che si trovano nella parte posteriore della bocca in alto e in basso. In genere, arrivano verso i tre anni, quando il bambino dovrebbe aver raggiunto un set completo di 20 denti da latte.

Il processo di dentizione, come accennato, per alcuni bimbi fortunati passa quasi inosservato per altri invece può essere una vera e propria tortura.
Tra i sintomi più comuni si possono notare: gonfiore e ipersensibilità, irritabilità e inappetenza, disturbi del sonno e –nei casi più gravi- anche febbre, vomito e diarrea.

Consigli per gestire al meglio l’eruzione dei dentini

Cosa possiamo fare noi genitori per alleviare la sofferenza dei nostri piccoli? Ecco una serie di rimedi per superare la dentizione:

  • Il massaggia-gengive

    Il più classico dei gadget contro i disturbi della dentizione è il massaggia-gengive: giocattolo o semplice anello in gomma ruvida, contenente liquido refrigerante da tenere in frigo o freezer, che si dà al bambino da ‘mordicchiare’. Il sollievo è immediato per via del freddo che anestetizza la bocca, mentre l’effetto ruvido esercita un massaggio sulla gengiva che può aiutare. In alternativa, c’è anche chi mette in freezer oggetti di uso quotidiano come un cucchiaio o un ciuccio, con ottimi risultati

  • Il massaggio manuale

    Per stimolare la crescita dei dentini si può praticare con un dito ben pulito un leggero massaggio alle gengive, strofinanondole da una parte all’altra, facendo attenzione alle reazioni del piccolo.

  • I biscottoni della dentizione

    Molte mamme realizzano in casa dei biscottoni molto duri da offrire al bimbo quando deve sgranocchiare qualcosa per distrarsi dal fastidio. Ecco una ricetta di biscotti perfetti per lo scopo: 400 gr di farina, 200 ml di latte, 1 cucchiaio di olio di oliva, 60 gr di miele. Stendere una sfoglia di mezzo cm e ricavarne delle forme ovali da cuocere in forno a 180° per circa 20 minuti.

  • Attenzione ai farmaci

    E’ molto importante non utilizzare il paracetamolo o altri farmaci anti-dolorifici senza prima aver consultato il pediatra, dunque se il dolore del piccolo vi sembra insopportabile, non esitate a contattare il suo medico. Esistono poi fialette o rimedi omeopatici, ma anche questi vanno assunti preferibilmente sotto consiglio di esperti.

  • La collanina d’ambra

    Ci sono mamme che credono fermamente nei poteri dell’ambra, che a contatto con la pelle sembra sprigionare un leggero effetto antidolorifico naturale. Che sia solo suggestione? Forse sì, però specialmente sulle bimbe la collana d’ambra è molto graziosa!

Il pieno di coccole

Indipendentemente dal rimedio che decidete di provare, il miglior modo per calmare un bimbo che si sveglia agitato per il fastidio della dentizione è riempirlo di coccole. Come tutte le mamme imparano giorno dopo giorno, non esiste miglior anestetico di un cocktail di abbracci e tanti bacetti!

  1. Anna Soprano

    Io come personale esperienza di mamma posso ritenermi fortunata, in quanto a dentizione mia figlia grossi problemi non ne ha avuti, però se devo consigliare qualcosa, io ho utilizzato e trovato molto utili i dentaruoli o massaggia gengive, ne avevo sempre due, uno da utilizzare e un altro in frigo di scorta..appena mia figlia ne lanciava a terra uno oppure l’aggeggio perdeva l’effetto freddo lo sostituivo con il secondo che avevo di scorta al fresco..per il resto c’era il ciuccio per i momenti clou in cui mia figlia voleva qualcosa di consolatorio da ciucciare sotto i dentini e ovvio tante coccole..

  2. nadia toppino

    Problema purtroppo da affrontare “dente per dente”!
    E in certi casi, anche se io sono una “anti farmaco” in questo mi sento egoista e uso l’antidolorifico perchè mi dispiace vederlo sofrire così, specie perchè se immagino che dolore possa provare quando ti si spacca la gengiva mi verrebbe da imbottirmi di quasiasi cosa!!!
    Uitlissimo il consiglio dei biscottoni duri da masticare…..quelli li provo di sicuro!