L'esperto risponde

Risposte per i tuoi dubbi e le tue domande

Il Tiralatte: spremitura e conservazione del latte materno

L’uso del Tiralatte è fondamentale per i neonati ricoverati per malattia o prematurità, ma è anche molto utile per le mamme che devono rientrare al posto di lavoro per garantire al neonato l’alimento più sano e completo: il latte materno.

Metodi per spremere il latte materno

  • Spremitura manuale;
  • Con tiralatte manuale;
  • Con tiralatte elettrico: singolo e doppio

Nella scelta di un tiralatte da utilizzare è importante tenere presente lo scopo, per quanto tempo sarà necessario utilizzarlo, la frequenza dei tiraggi, l’ambiente dove avverrà il tiraggio, la maneggevolezza dell’attrezzatura, la facilità della pulizia e l’economicità. Per il funzionamento e l’igiene dell’apparecchio e degli accessori è bene attenersi scrupolosamente all’istruzione della casa produttrice.

Il Tiralatte è utile per:

  • Garantire la somministrazione del latte materno, in tutti quei casi in cui la mamma non può essere presente.
  • Stimolare, accrescere e mantenere la produzione del latte: la stimolazione e lo svuotamento del seno sono indispensabili per mantenere costante la quantità del latte prodotto.
  • Favorire il drenaggio del seno: Nel caso in cui il seno è troppo pieno e potrebbe essere doloroso e difficoltoso nell’attacco del bambino, l’uso del tiralatte prima della poppata ammorbidisce il seno. Il pompaggio del seno con il tiralatte aiuta anche a risolvere l’ingorgo mammario o la mastite.

Tiralatte elettrici automatici

Il tiralatte elettrico automatico è progettato con un numero di cicli aspirazione e forza di suzione tali da simulare più fedelmente possibile il ritmo di suzione di un neonato durante la poppata al seno. I modelli più recenti offrono la possibilità di variare sia l’intensità che la frequenza della suzione. Gli apparecchi sono predisposti per un doppio attacco così da consentire di estrarre latte da entrambi i seni contemporaneamente e dimezzare così i tempi di tiraggio qualora questi siano molto frequenti.

Tirarsi il latte da entrambi i seni contemporaneamente, inoltre, aumenta la prolattina e il rilascio di ossitocina. Questo tipo di tiralatte è ideale per le madri che si tirano il latte per il figlio prematuro e malato che non è in grado di attaccarsi al seno. È utile anche in tutte quelle situazioni in cui è necessario aumentare la produzione di latte o avviarla poiché riescono a fornire una stimolazione migliore del seno rispetto agli altri modelli.

Quando tirare il latte

Quando l’allattamento è ritardato o sospeso come nel caso di un bambino prematuro, le evidenze scientifiche hanno messo in luce che è opportuno iniziare la spremitura manuale entro 2-6 ore dal parto.

Nelle prime 24 ore si usa la spremitura manuale per raccogliere il colostro, dopodichè il tiralatte elettrico ad attacco doppio di tipo ospedaliero sarà uno strumento prezioso per raccogliere latte e favorirne la produzione.

Va usato almeno 8/10 volte nelle 24 ore per 10, 15 minuti come ad imitare le poppate del neonato al seno nelle prime 8-10 giorni. Con un intervallo notturno di 5- 6 ore.

La madre andrebbe aiutata ed incoraggiata a cominciare la spremitura manuale entro sei ore dal parto, per almeno otto volte al giorno, con l’obiettivo di arrivare ad una produzione di 600 ml al giorno in decima giornata.

Alcune TIN suggeriscono un numero maggiore di sessioni di spremitura, tuttavia il numero può essere adattato alla produzione materna: ad alcune donne saranno sufficienti 8 volte, ad altre potrebbero essere necessarie 10-12 volte al giorno.

Power Pumping

L’obiettivo del Power Pumping è di stimolare frequentemente il riflesso di emissione.
Quando c’è una necessità di aumentare la produzione del latte, nuovi studi hanno evidenziato che togliere frquentemente il latte con delle brevi pause aumenta la quantità del latte prodotto anche del 45%.

Come viene effettuato:
2 volte al giorno per un’ora;
si alternano 5-10 min in cui si tira il latte con il tiralatte doppio a 10′ di pausa
Nelle pause la mamma, beve, mangia qualcosa, si rilassa.
Ad ogni intervallo fa un breve massaggio.
Un recente studio ha valutato la quantità di latte a 7,21,42 giorni dal parto. Quando la spremitura del latte avviene entro la prima ora o al massimo entro le 6 ore dalla nascita si producono maggiori quantità di latte.

Riferimenti
1. Parker Leslie A., et al.: Association of Timing of Initiation of Breastmilk Expression on Milk Volume and Timing of Lactogenesis Stage II Among Mothers of Very Low-Birth-Weight Infants – Breastfeeding Medicine. March 2015, 10(2): 84-91

Massaggio secondo Marmet

Il massaggio secondo Marmet è utile per massaggiare il seno durante l’allattamento o l’estrazione del latte.
Il massaggio eseguito parallelamente all’estrazione del latte o all’allattamento può aumentare la quantità di latte.
Il metodo di Marmet allevia anche i dolori nel caso di ingorgo mammario.

PROCEDURA
Una mano sostiene il seno.
Con tre-quattro punte delle dita dell’altra mano appoggiate piatte e con movimenti circolari si può massaggiare il tessuto ghiandolare.
Spostare le dita rispettivamente di 2-3 cm e ripetere la procedura finché viene massaggiato tutto il seno.
Evitate i seguenti movimenti:
Strizzare il seno: può causare edemi;
Tirare fuori il capezzolo e il seno; può danneggiare i tessuti;
Far scivolare le dita sul seno; può irritare la pelle.

Conservazione del latte

I contenitori dovrebbero essere di polypropylene o di vetro e ad ogni contenitore deve essere applicata un’etichetta con il nome, data e ora.
Soprattutto per il bambino prematuro dobbiamo rispettare alcune regole di igiene. Prima di togliere il latte lavarsi con il sapone accuratamente le mani.
Lavare i seni con acqua e asciugarli con un’altra asciugamano
Utilizzare sempre un set sterile.
Per il bambino prematuro prima di iniziare spremere via la prima goccia di latte per evitare la contaminazione con i germi della pelle della mamma con il latte.
Questo non si applica in caso si estrazione del colostro perché è troppo prezioso.

Bambino prematuro Bambino sano
temperatura ambiente: 25° circa 4 ore latte materno maturo 6-8 ore colostro max 12 ore
frigorifero da+4° -6° 48-72 ore 5 giorni
congelatore nel frigo 14 giorni 14 giorni
congelatore tre stelle 14 giorni 3-4 mesi
congelatore a -18-20° 3-6 mesi 6-12 mesi
latte materno scongelato nel frigo 24 ore 24 ore
trasporto borsa termica con ghiaccio secco 24 ore

Indicazioni per la mamma

Prendere sempre il latte con la data più vecchia.
Effettuare lo scongelamento durante la notte o a bagnomaria o con scalda biberon, mai in microonde (diminuiscono la vitamina C e le IGA e distrugge la Lipasi).
Per miscelare bene il grasso del latte materno si consiglia di scuotere per 10-15 sec. il latte materno.

Riferimenti
1. Springer,Leipziger UNIVERSITAETSVERLAG 1998 2. Tully,M.R. Recommendations for Handling of Mother’s Own Milk 3. ABM Academy of Breastfeeding Medicine, nr 8 4. Lawrence R.A: Breastfeeding: guide for the medical profession, 2016

  1. Jessica La russa

    Ci ho provato tanto.. Ma il latte era veramente poco.. Riuscivo a tirarne 20 ml dopo 45 minuti, mi veniva da piangere..grazie a Dio quel periodo è passato! Ma consiglio a tutti il tiralatte elettrico, con il prossimo figlio ci riproverò!