Da mamma a mamma

Un filo diretto con chi è mamma... come te

Chiara Geroldi

Parto

Buongiorno mamme…
Stiamo cominciando a pensare ad una seconda gravidanza, il mio primo parto naturale, però, è stato tutto fuorché “naturale” e il pensiero di affrontarne un altro mi angoscia.
Ho sofferto sia fisicamente che psicologicamente; I farmaci e le varie manovre subite per riuscire a partorire hanno trasformato quella che doveva essere un’esperienza bellissima in un ricordo che ancora non riesco a dimenticare.
Cosa posso fare, secondo voi, per affrontare in modo sereno una seconda gravidanza e magari sperare di avere un vero parto naturale?

  1. valentina agoni

    Ogni parto è a sè… peggio di com’è stato è difficile che possa andare, e poi dicono che il secondo è più facile… forza Chiara!!!!!

  2. Chiara Geroldi

    Speriamo che sia così… Incrocio le dita fin d’ora! Basterà?

  3. Francesca Praga

    Ciao Chiara,
    ci sono diverse associazioni e psicologi che si occupano di quello che viene definito “trauma da parto”, cerca un riferimento nella tua zona e affidati a loro. Non c’è come elaborare un evento nel modo corretto per prepararsi ad affrontarne uno nuovo senza paure.
    Inoltre, quello che potresti pensare di fare, è di mandare un piano del parto all’ospedale dove deciderai di partorire in cui metti nero su bianco le tue volontà in merito al parto e ciò che vorrai o meno ricevere.
    Francesca

  4. Anna Soprano

    Ciao, di solito il secondo parto è sempre meno doloroso del primo e più facile da affrontare e poi ogni gravidanza e parto sono a sé, hanno problematiche diverse, quindi non preoccuparti e riprovaci senza pensare alle esperienza negative passate, affidati ad ospedale e ginecologi qualificati e vedrai che no avrai problemi.

  5. Emanuela Rossi

    Ciao Chiara, ti posso capire molto bene… il primo parto è stato indotto, lungo e doloroso…. ma ho cercato di concentrarmi su quello di positivo che è venuto dopo. I primi momenti con in braccio il mio bimbo, il nostro primo sguardo, il nostro riconoscerci. So che può sembrare una cosa ovvia, ma te lo dico anche da psicologa 🙂 Concentrarsi sui ricordi negativi farà crescere in te la paura, entrando in un circolo vizioso. Parlane con qualcuno se la situazione è difficile da gestire da sola, ma cerca di rompere questa spirale di paura che alimenta i tuoi timori.
    Poi posso dirti che il secondo parto è stato mooooolto diverso dal primo, molto più veloce, senza farmaci, e ora sono in attesa del terzo bimbo.
    Un grande abbraccio